sine requie live roma cardinale santa roma timeline del gioco

Sine Requie Live Roma: Cardinale Gregorio Santarosa, Segretario di Stato del Vaticano e Grande Inquisitore

Home » Sine Requie Live Roma: Cardinale Gregorio Santarosa, Segretario di Stato del Vaticano e Grande Inquisitore

sine-requie-live-roma-larp-grd-giochi-di-ruolo-dal-vivo-timeline-chianciano-santarosa

Sine Requie Live Roma: Cardinale Gregorio Santarosa, Segretario di Stato del Vaticano e Grande Inquisitore

Sine Requie Live Roma. Gregorio ha oggi sessantuno anni, ma non dimostra la sua vera età, apparendo molto più giovane. Il Cardinale è molto attento al suo aspetto e al modo con cui la sua apparenza può influenzare coloro che lo circondano. Porta dei capelli sempre ben curati; il suo volto pallido. È costantemente disteso in un’espressione di benevolenza e compassione. Il Cardinale non si infuria mai e ha un tono comprensivo e paternalistico anche nelle situazioni di maggior tensione.

Frutto di anni e anni di esercizi di autocontrollo. Santarosa sfoggia sempre, nelle sue rare apparizioni pubbliche, vestiti sfarzosi impreziositi da monili e pietre preziose, confezionati dai migliori sarti di Roma, egli sa benissimo che questo è il modo di veloce per far breccia nell’immaginario del popolo.

Gregorio è il primogenito della famiglia dei Santarosa, una ricca casata romana che da sempre ha avuto ottimi rapporti con il Vaticano.

Fin da giovane, Gregorio, scelse come campo di interesse e azione quello della vita ecclesiastica, convinto di poter avere più possibilità di scalare la gerarchia della Chiesa Cattolica piuttosto che quella della traballante e mutevole politica italiana. Gregorio è divenuto Vescovo all’età di 39 anni.

Grazie alla propria abilità diplomatica e i frutti di questa fortunata scelta sono oggi palesi a tutti gli abitanti del Sanctum Imperium, visto che Gregorio Santarosa è considerato l’uomo più potente del paese, per i più informati addirittura più del Papa stesso. C’è addirittura chi sostiene di essere stato guarito da mali misteriosi dolorosissimi grazie alle preghiere rivolte al Grande Inquisitore.

Santarosa ha imparato a non avere punti deboli, in modo che non possano essere sfruttati dai propri nemici. Alcol, sesso, vita sregolata e mondana, sono piaceri e debolezze che egli evita accuratamente in modo da non divenire vulnerabile.

Egli sa che il Vaticano ha occhi e orecchi dappertutto e che non tutte le spie sono sotto il suo controllo, quindi le evita con attenzione e studiata cautela così da scongiurare una caduta, tanto agognata dai suoi detrattori quanto rovinosa per lui e il suo ordine.

Il Cardinale non ha mai impiegato mezzi illeciti per prevaricare gli altri, come farebbe un comune delinquente: egli vive come un individuo nobile e superiore, che quindi non può abbassarsi ai normali mezzi dell’illegalità per guadagnare potere come fanno molti altri, anche all’interno della Chiesa. Dopotutto non ha bisogno di contravvenire la legge per arrivare ai propri scopi, lui è la legge, tramite i suoi sottoposti e i Tribunali da loro presieduti.

Gregorio detesta, sebbene non apertamente, i Templari e il loro Gran Maestro, che vede come una possibile minaccia per il proprio personale potere. Per questo ha assoldato numerose spie affinché vigili su ogni possibile mancanza o azione sospetta portata avanti dai Maestri dell’Ordine dei Cavalieri del Tempio.

Santarosa non esiterebbe certo ad usare il pugno di ferro per eliminare questi scomodi “fratelli”. Ma ancora non ha nessuna prova certa che possa permettergli di agire indisturbato nel reprimerli. Il suo sigillo personale è una croce da cui sgorgano tre gocce di sangue, che bagnano il terreno sul quale sono cresciute tre rose. Il motto del Santarosa è quello ufficiale del nuovo Santo Uffizio.

“Veritas et Pax Christi per Ignem atque Doctrinam” (“La Verità e la Pace di Cristo attraverso il Fuoco e la Dottrina”).

Mentre il marchio che portano i suoi Conversi è un’effige di Gesù Bambino ricamata in oro.

Anche sua Eminenza il Cardinale Gregorio Santarosa ha da oggi un volto e il gruppo Re Bianco è felice di rivelarvelo. Inoltre gli organizzatori ricordano che le iscrizioni all’evento TAVERNA del 14 dicembre Sine Requie Live Roma – Capitolo I, Parte 3 – Osculantor Manus sono ancora aperte. Vai all’evento su Facebook.

Re Bianco

Sine Requie Live Roma: Cardinale Gregorio Santarosa, Segretario di Stato del Vaticano e Grande Inquisitore

Sine Requie Live Roma: Cardinale Gregorio Santarosa, Segretario di Stato del Vaticano e Grande Inquisitore